La prima visita in
DERMATOLOGIA ESTETICA Ŕ
gratuita e non impegnativa
 
 
La prima visita in
DERMATOLOGIA ESTETICA Ŕ
gratuita e non impegnativa

Studio Medico Dermatologico Dott.ssa Galina Baranovskaia


CENTRO MEDICO CASTELFIDARDO
Via Castelfidardo, 10
00185 Roma
Mob. 327.1270878
contatti dove siamo chi siamo home page
  Dermatologia estetica
  e clinica
- Invecchiamento della cute
- Decadimento dei Profili: Viso,
  Labbra, Zigomi

- Rughe della pelle
- Discromie o macchie cutanee
- Acne e cicatrici da acne
- Cellulite ed AdipositÓ
  localizzate

- Smagliature
- Ulcere
- Couperose e Rosacea
- Capillari e Teleangectasie
- Iperidrosi
- Alopecie
- Patologie unghiali
- Psoriasi
- Veneree

  Neuropsicofisioterapia
- Auricoloriflessoterapia
- Disordini posturali e scoliosi
- Galleria delle Immagini
- Terapia del dolore

Fraxel Dual 1550/1927

LASER: PRINCIPIO FISICO

Il LASER è un apparato elettronico in grado di emettere un fascio di luce rettilineo caratterizzato dall'essere:

  • monocromatico, cioè costituito da un'onde elettromagnetiche di un' unica lunghezza d'onda;
  • coerente,cioè costituito da onde elettromagnetiche che si muovono parallelamente nello spazio ed in fase fra di loro rispetto al tempo;
  • ad alta brillanza (luminosità), derivante dalla concentrazione di potenza in un fascio di sezione molto piccola.

Il principio fisico, previsto fin dal 1917 da Einstein, è quello della Light Amplification by Stimulation Emission of Radiation (amplificazione di luce mediante emissione stimolata della radiazione) di cui il termine LASER costituisce l'acronimo.
Il fascio di luce viene emesso dal cosiddetto materiale attivo (che può essere un gas, un cristallo solido od anche un liquido), i cui atomi sono mantenuti in uno stato di eccitazione mediante apporto (pompaggio) di energia dall'esterno. A ciò consegue una continua emissione di fotoni da parte degli atomi del materiale attivo,mantenuto all'interno di un contenitore che vede alle estremità una coppia di specchi piani e paralleli ( "risonatore ottico" o "cavità risonante") uno completamente riflettente e l'altro semiriflettente. Il fenomeno che si verifica è il seguente: l'apporto di energia esterna determina una emissione di fotoni che,riflessi avanti ed indietro sugli specchi, attraversano più volte il materiale attivo stimolandone nuove emissioni fotoniche. Una parte della radiazione che si accumula nella cavità risonante fuoriesce attraverso lo specchio semiriflettente costituendo il fascio di luce utilizzabile. Il meccanismo di generazione dei fotoni è tale che essi siano caratterizzati dalla stessa frequenza (stessa lunghezza d'onda ) e ciò determina la caratteristica del monocromaticità del fascio. Inoltre poiché i fotoni vengono emessi nella stessa direzione,attraverso lo specchio semiriflettente, il fascio risulta estremamente collimato (coerente) e di intensità elevata (alta brillanza).

trattamenti laser patologie pelle tecnica roma

 

LASER: DAL PRINCIPIO FISICO ALLE APPLICAZIONI MEDICHE

Dopo la realizzazione del prototipo che risale al 1960, la tecnologia LASER ha avuto uno sviluppo enorme con applicazioni che vanno dal settore delle telecomunicazioni a quello della meccanica e delle macchine utensili e nel nostro caso al mondo della medicina e chirurgia.

La laserterapia sfrutta l'effetto termico della radiazione sui tessuti:

  • quella medica trova applicazioni in molte patologie dermatologiche e infiammatorie, nella terapia del dolore ed utilizza dispositivi a bassa potenza (laser elio-neon, semiconduttore, anidride carbonica ecc.);

  • quella chirurgica utilizza dispositivi di vario tipo e potenza (laser a rubino, anidride carbonica, argon, neodimio- ittrio ecc.) che permettono di ottenere azioni diverse sui tessuti: evaporazione,coagulazione, incisione ecc. La caratteristica del raggio LASER di convogliare notevoli quantità di energia su sezioni estremamente ridotte rende possibili interventi su campi operatori molto piccoli. Da ciò discende la sua affermazione in oculistica, in otorinolaringoiatria,nel settore delle vie urinarie ecc. ed il crescente interesse in campo oncologico ed in quello della dermatologia clinica ed estetica di cui ci occuperemo qui di seguito

LASER IN DERMATOLOGIA CLINICA ED ESTETICA

Vari tipi di LASER trovano applicazione in dermatologia a seconda del trattamento da attuare; fra i più noti si ricordano:

Skin resurfacing

  • Laser CO2: materiale attivo allo stato gassoso è l'Anidride Carbonica, che emette un fascio di lunghezza d'onda pari a 10.600nm, ed ha come cromoforo principale l'acqua dei tessuti, determinandone la vaporizzazione e coagulazione. Viene impiegato principalmente come sorgente chirurgica e nel corso degli anni ha subito aggiornamenti che lo rendono più preciso e facilmente utilizzabile anche per trattamenti estesi o quando sia necessario ottenere il miglior controllo del calore ceduto ai tessuti. Ove siano necessari trattamenti superficiali ablativi (vaporizzazione) della cute, viene normalmente abbinato ad uno "scanner", sistema che distribuisce uniformemente l'energia sulla zona oggetto del trattamento.

  • Laser Erbium: materiale attivo allo stato solido è l'Erbio, elemento chimico appartenente alla famiglia delle terre rare. Il laser Er:YAG (erbium YAG) - emette una radiazione di lunghezza d'onda pari a 2940nm con un elevato coefficiente di assorbimento nell'acqua. Tale lunghezza d'onda genera l'ablazione dello strato superficiale.Il laser è particolarmente adatto nel resurfacing poiché elimina rughe ,imperfezioni della pelle,macchie ed altre difformità superficiali,lesioni cutanee ecc.

Interventi vascolari

  • Laser KTP : il materiale attivo è un cristallo composto da fosfato di potassio e titanio,che emette una luce verde di lunghezza d'onda pari a 532 nm, particolarmente efficace nelle lesioni vascolari rosse superficiali (capillari,angiomi stellati, lesioni pigmentate benigne e superficiali),.L'utilizzo di tale laser con grandi spot permette di trattare in maniera ottimale le teleangectasie del volto sia di piccolo che di grande calibro con assenza di effetti collaterali e perciò rendendolo più accettabile da parte del paziente.

  • Laser Nd:YAG : il materiale attivo è un cristallo Ittrio-Alluminio drogato con Neodimio che emette una lunghezza d'onda pari a 1064 nm. Penetra profondamente nei tessuti e tratta efficacemente i vasi capillari dilatati (teleangectasie)più profondi e di maggiori dimensioni.

Pigmentazione e tatuaggi

  • Laser Q-Switched : il materiale attivo allo stato solido è un cristallo di Alessandrite o Neodimio YAG che emette impulsi caratterizzati da un elevato contenuto energetico consentendo di attuare Il principio della fototermolisi selettiva, grazie al quale il laser è in grado di frammentare bersagli come particelle colorate del tatuaggio localizzate sotto la pelle e cellule superficiali contenenti melanina, mentre i tessuti adiacenti rimangono inalterati.

Epilazione

  • Laser Diodi : il materiale attivo è costituito da semiconduttori che emettono radiazione di differenti lunghezze d'onda 800, 810, 940, 980nm con potenze differenti in funzione delle esigenze applicative. Questi Laser Sono caratterizzati dalla compattezza delle dimensioni, e normalmente vengono impiegati per epilazione poichè provocano la distruzione selettiva del bulbo pilifero senza danneggiare il tessuto circostante. Vengono anche utilizzati nella chirurgia vascolare (endoluminale) e nella chirurgia in generale: coagulazione/vaporizzazione di tessuti molli.

  • Laser Alessandrite : il materiale attivo è costituito da Alessandrite (cristallo di isoberillio drogato al cromo) che emette una radiazione di lunghezza d'onda pari a 755nm, ottimale per l'epilazione permanente. Il principio impiegato è quello della selettività termocineticai melanina del pelo senza ledere i tessuti circostanti L' Alessandrite funziona in modalità pulsata ed è necessario che ogni impulso emesso abbia almeno 10-12mm di diametro per garantire il raggiungimento alla profondità dei follicoli e che la durata degli impulsi sia variabile per essere adattata alla tipologia di peli da trattare.

IL SALTO DI QUALITA’ TECNOLOGICO: IL LASER FRAZIONATO

Il principio del frazionamento consiste nel fatto che il fascio di luce emesso dal Laser, grazie a un sofisticato sistema ottico, viene suddiviso in un insieme di micro fasci (spot) che arrivano sulla cute in modo molto ordinato creando dei microcanali dermo-epidermici(con diametri dell'ordine dei 100 micron ) senza asportazione degli strati superficiali della cute. Tale azione termica frazionata colpisce il 25-30% della zona trattata, cosicchè ogni micro canale è circondato da un'estesa superficie di tessuto non trattato.
Ne consegue una contrazione della parte non trattata che tende a colmare rapidamente le microzone di tessuto denaturato. Il rimodellamento della pelle si sviluppa velocemente con aumento della forza tensile e con l'avvio di una fase proliferativa in cui vengono prodotte nuove fibre collagene. Tutto ciò mentre in superficie si hanno delle microaree di coagulazione invisibili ad occhio nudo, cosicchè il paziente non ha alcuna alterazione visibile della pelle.

A differenza dei laser resurfacing tradizionali, l'azione puntiforme del laser frazionale produce modeste conseguenze (eritema ,lieve gonfiore) che si completano nell'arco di un week end.

Il LASER FRAXEL DUAL 1550 / 1927

trattamenti laser fraxel 1550 patologie pelle tecnica roma Il sistema Laser Fraxel è una creazione della Reliant Technologies canadese, fondata da un gruppo di esperti .dell’industria laser, scienziati, clinici e ingegneri biomedicali che hanno reso applicabile in modo del tutto affidabile il principio del frazionamento attraverso lo sviluppo di un sistema per:

  • trattare la pelle in modo assolutamente efficace,sicuro e prevedibile, ottenendone il ringiovanimento con una convalescenza minima;

  • eliminare l’imprecisione dei manipoli con spot fissi che richiedono sforzi di intuizione da parte dell’operatore. Il sistema Fraxel ha la precisione microscopica dello scanner intelligente con valori accuratamente impostabili in base alla dosimetria necessaria.

Il loro sforzo ha prodotto nel 2004 il primo sistema laser Fraxel che ha definito uno standard completamente nuovo nel trattamento estetico con i laser.

Fraxel oggi significa:

  • più di 1200 medici in tutto il mondo che lo utilizzano con risultati riproducibili per molteplici indicazioni;

  • 150.000 pazienti trattati e soddisfatti per i risultati ottenuti;

  • un gran numero di ricerche pubblicate e brevetti che ne testimoniano l’elevata efficacia;

  • una continua evoluzione tecnologica che, dopo il Fraxel 1500 (laser frazionale non ablativo con fibra ad Erbium lunghezza d’onda 1550 nm ) ha di recente messo a disposizione dei Medici Dermatologi il nuovissimo Fraxel Dual 1550/1927

trattamenti laser fraxel 1927 patologie pelle tecnica romaFraxel DUAL (due laser in uno) utilizza contemporaneamente due distinte lunghezze d’onda:
• 1550 nm ERBIUM fiber, già ampiamente sperimentata nei precedenti apparati Laser Fraxel, ha un coefficiente di assorbimento ottimale, rispetto al contenuto acquoso delle cellule, che consente all’energia di raggiungere la profondità di penetrazione massima preservando lo strato corneo
• 1927 nm THULIUM fiber che vede oggi la sua prima applicazione nell’ambito della dermatologia estetica ;la maggiore lunghezza d’onda rispetto all’Erbium ne determina un maggiore coefficiente di assorbimento rispetto all’acqua e di conseguenza un’azione di penetrazione minore che risulta ottimale per il trattamento delle pigmentazioni e degli inestetismi superficiali

La tecnologia di una doppia fibra laser in un unico sistema permette di eseguire il più efficace trattamento non ablativo di ringiovanimento cutaneo poiché consente di operare contemporaneamente sia a livello profondo agendo sulla ristrutturazione del derma che a livello superficiale operando sugli inestetismi dell’epidermide con risultati evidenti su vaste aree del corpo. Al tempo stesso la tecnologia DUAL, oltre che consentire una sensibile riduzione dei tempi e delle sedute di applicazione, offre ai pazienti la sicurezza, il comfort e la minima convalescenza di un laser non ablativo, con risultati superiori rispetto ad altri laser che, pur operando in modo frazionale, utilizzano lunghezze d’onda diverse da quelle sopra citate.Tutto ciò comporta un notevole ampliamento dei campi d’intervento che fino ad oggi richiedevano l’uso di laser specializzati di diverso tipo.

manipolo trattamenti laser patologie pelle tecnica Roma laser fraxelManipolo con scansione intelligente.Il Manipolo, cioè l’elemento con cui il Medico applica il raggio laser frazionato in spot ciascuno di diametro inferiore a 400 um alla superficie da trattare, è di per sé un componente ad elevatissimo contenuto tecnologico in grado di assicurare, durante la scansione, un apporto uniforme dei micro fasci laser sul tessuto. Esso è infatti dotato di un sistema ottico intelligente per cui:
• si adatta automaticamente ed in tempo reale alla velocità della mano dell’operatore;
• dispone di un software che determina la densità di spot ideale a seconda del livello energetico scelto;
• assicura che le lesioni limitrofe non siano in contatto con conseguente riduzione del rischio di surriscaldamento.
Il risultato è un trattamento veloce, sicuro e ben controllato.

Torna su

  Tecnologie di nuova
  generazione
- Laser Fraxel (macchie e cicatrici)
- Immagini Fraxel
- Laser Alessandrite long pulse (epilazione definitiva)
- Laser Alessandrite q-switched (tatuaggi)
- Radiofrequenza Unipolare (lassitÓ cutanea)
- Ultrasuoni a Cavitazione (adipositÓ localizzata)
- Medicina Quantica
  (Tecnologia RITKA)

- CRM Terapia
- NM 5000 Stimolatore
- Baropodometro Elettronico

  Metodiche e Tecniche
- V-Lifting
- Agopuntura Clinica
- Biorivitalizzazione cutanea
- Biolifting
- Filler
- Botox
- Peeling chimici
- Mesoterapia
- Scleroterapia
- Vacuum terapia

  Laser Fraxel Dual
  1550/1927
laser fraxel trattamenti laser patologie pelle tecnica roma

  Copyright 2017 - www.dermatologiaestetica.eu Created, hosted & SEO by MONDOWEB